Buon 2018

“…Conosciamo noi stessi solo fin dove siamo stati messi alla prova.
Ve lo dico
dal mio cuore sconosciuto”.

Wisława Szymborska
da “Appello allo Yeti” (1957), Libri Scheiwiller, 2009
(Traduzione di Pietro Marchesani)

 

 

 

Violenza nelle relazioni

Presentazione dell’Antologia Racconti Amo promosso da Valletta Edizione e Ponte di Carta.

Presso il Caffè Letterario Vieni via con me, Via Colaneri, 9 Avezzano.

Terza Edizione del concorso per scrittori, il cui tema quest’anno è stato la violenza nelle relazioni

“…Abbiamo pensato che fosse necessario capire cosa rende maggiormente desiderabile, facile, scontato accedere alla violenza piuttosto che ad altre forme possibili di relazione. E abbiamo pensato di fare un piccolo esperimento: di chiamare degli scrittori a raccontare storie di violenza nelle relazioni. Nella nostra fantasia gli scrittori sono coloro che hanno il dono di raccontare il mondo dal punto di vista dell’emozione. Il racconto mette in scena il tema, non lo retorizza. Lo rende umano e lo fa cogliendo lo spirito del tempo…

Brano tratto dalla prefazione a cura di Alessia Fedeli e Viviana Fini

Due parole sul desiderio

Perché accada qualsiasi evento c’è bisogno di una differenza di potenziale
e ci vogliono due livelli bisogna essere in due, allora accade qualcosa […].
Un desiderio è costruire“.

Deleuze

 

Nell’enciclopedia della psicoanalisi di Laplanche e Pontalis, la parola DESIDERIO viene distinta da bisogno che è rivolto ad un oggetto e si soddisfa con esso e domanda che è rivolta ad altri. Il desiderio è invece rappresentato dallo scarto tra bisogno e domanda. Scarto, quindi differenza, distanza da. Se andiamo a riprendere l’etimologia della parola desiderio Questo termine deriva dal latino e risulta composto dalla preposizione de- che in latino ha sempre un’accezione negativa e dal termine sidus che significa, letteralmente, stella.

Desiderare significa, quindi, letteralmente, “mancanza di stelle”, nel senso di “avvertire la mancanza delle stelle”, di quei buoni presagi, dei buoni auspici e quindi per estensione questo verbo ha assunto anche l’accezione corrente, intesa come percezione di una mancanza e, di conseguenza, come sentimento di ricerca appassionata. Leggi tutto “Due parole sul desiderio”

Cosa faccio di quel che mi disturba?

Nell’articolo si parlerà del disagio come primo sentore che sta avvenendo qualcosa dentro di noi e come l’essere umano tenta di rispondere a questa emozione.

Grazie al mestiere che faccio, da molto tempo mi confronto con un sentimento importante che è la dissonanza, sia essa cognitiva o emotiva e, non ultima, anche sociale, lavorando da anni anche nel terzo settore.

Penso che la dissonanza sia quel fattore che ci mette fortemente in crisi e che possa spingerci a fare qualcosa in termini di cambiamento.

Le dissonanze, storicamente, hanno sempre suscitato un grande interesse e, dal mio punto di vista, hanno dato l’energia alla nascita della psicoanalisi. Cioè ad una vera e propria rivoluzione culturale e sociale.

Il termine dissonanza fu introdotto nel 1957 da Festinger, ma ripreso da Erikson proprio per descrivere situazioni di complessa elaborazione cognitiva in cui nozioni, credenze, opinioni esplicitate contemporaneamente nel soggetto in relazione ad un tema, si trovano a contrastare funzionalmente tra loro: questa “incoerenza” genera disagio, perciò l’essere umano cerca di
eliminarla o di ridurla il più possibile.

Leggi tutto “Cosa faccio di quel che mi disturba?”

Pensieri e domande aperte sulla scuola e sull’educazione

Nell’articolo si riflette sulla possibilità che nella scuola la diversità non sia letta come un limite, ma come indice di complessità e quindi di risorsa.

“I pensieri infantili sono sottili. A volte sono così affilati da penetrare nei territori più impervi arrivando a cogliere, in un istante, l’essenza di cose e relazioni. Ma sono fragili e volatili, si perdono già nel loro farsi e non tornano mai indietro.

così alla maggior parte delle bambini e dei bambini non è concesso il diritto di riconoscere la qualità dei propri pensieri e rendersi conto della loro profondità. A molti non è concesso neppure di arrivare ad esprimerli, perché un pensiero che non trova ascolto difficilmente prende forma e respiro” – Lorenzoni, 2014 

La scuola dovrebbe essere un po’ meglio della società

Leggi tutto “Pensieri e domande aperte sulla scuola e sull’educazione”